img1
img2
img3

Monumenti e Musei

MONUMENTO

LOCALITÀ

DESCRIZIONE

Via delle Gallie

Tutta la Regione

La strada consolare detta "delle Gallie" fu la prima opera pubblica che i Romani realizzarono in Valle d'Aosta, sostituendola ai primitivi sentieri che conducevano al di là delle Alpi. Si biforcava in due importanti bisettrici all'altezza di Aosta: una conduceva al Piccolo San Bernardo (Alpis Graia) e l’altra al Gran San Bernardo (Alpis Poenina). Alcune località denunciano la loro origine romana e la loro distanza da Aosta: Quart (ad quartum lapidem), Chétoz (ad sextum), Nus (ad nonum).

Pont d’Äil

Aymavilles

Opera grandiosa in muratura e blocchi di pietra da taglio, innalzata nell’anno 3 a.C.: è alta 56 m circa dal livello del corso d'acqua, per un lunghezza che supera i 50 m. e comprendeva un passaggio coperto, di 1 m circa di larghezza, illuminato da strette finestre su entrambi le pareti. Un canale superiore scoperto, con il fondo in lastre di pietra e le pareti impermeabilizzate, permetteva lo scorrimento dell’acqua captata dalle sorgenti. È una delle maggiori opere di ingegneria civile realizzate dai Romani nell’arco alpino.

Ponte

Pont-Saint-Martin

È il più alto ponte romano ad una sola arcata (20 m di altezza per 35 di lunghezza) ed è ancorato alla viva roccia da entrambi i lati. Fu costruito verso il 120 a.C. La fantasia popolare ne ha attribuito la costruzione al diavolo. 

Arco

Donnas

La via Consolare delle Gallie , costruita per collegare Roma alla Valle del Rodano, ha nel tratto di Donnas uno dei suoi punti più caratteristici in questo imponente arco intagliato nella viva roccia, per una lunghezza di 221 m, 4 m di spessore , 4 m di altezza e quasi 3 m di distanza tra i due stipiti. Sul lastricato della strada si possono ancora vedere i solchi lasciati dai carri, mentre poco oltre l'arco di trova la colonnina che indica in “XXXVI milia" la distanza tra Donnas e Aosta (circa 50 Km).

Arco d’Augusto

Aosta

L'arco onorario dedicato all'imperatore Augusto, edificato nel 25 a.C., è  il simbolo della città. È ad un solo fornice a tutto sesto, largo circa 9 metri. I pilastri che lo fiancheggiano presentano, ai quattro angoli, delle semicolonne con capitelli corinzi.

Porta Prætoria

Aosta

È una delle poche porte romane pressoché intatte. Costituiva l'accesso principale alla città ed era dotata di tre aperture, ancor oggi visibili: quella centrale per i carri e quelle laterali per i pedoni.

Teatro

Aosta

Costruito nel I sec. d.C., alcuni anni dopo la fondazione di Augusta Praetoria , venne ampliato ulteriormente un paio di secoli più tardi: oggi rimangono visibili la facciata meridionale, con le sue arcate sovrapposte che misurano 22 m di altezza, la parte inferiore del semicerchio di gradinate che ospitava gli spettatori (cavea), l'orchestra con il suo raggio di 10 metri e le fondamenta del muro che faceva da fondale (scaena). Poteva contenere fino a quattromila spettatori.

Criptoportico forense

Aosta

È un’imponente architettura di epoca augustea, nascosta nel sottosuolo che delimitava un'area sacra dedicata al culto. La costruzione si sviluppa in forma di ferro di cavallo ed è costituita da un doppio corridoio, con volte a botte sostenute da pilastri.

Area funeraria

Aosta

Si tratta di un’importante necropoli utilizzata a lungo, sia in epoca romana che paleocristiana: si trovano 3 mausolei ed una basilica paleocristiana, la cui datazione va dalla fine del IV a tutto il V secolo.

Cinta muraria

Aosta

È uno dei pochi “perimetri” romani ancora intatti, formante un rettangolo di 724 m per 572, costituito da uno strato interno di pietre fluviali e uno esterno di blocchi di travertino.

Villa

Aosta

È l’unica villa romana conservatasi in Valle d’Aosta, rientrante nella tipologia delle ville “urbano-rustiche”, risalente alla seconda metà del I sec. a.C.


MUSEI

MAR - Museo Archeologico Regionale

Piazza Roncas 12 – Aosta

Telefono: 0165/275902
Internet: www.regione.vda.it/turismo/scopri/cultura/musei

 

Museo del Tesoro della Cattedrale

Piazza Giovanni XXIII - Aosta
Telefono: 0165/40251

Internet: www.regione.vda.it/turismo/scopri/cultura/musei

 

Museo del Papa Jean Paul II

Loc. Les Combes – Introd (AO)
Telefono: 0165 99290
Internet: www.maison-musee.it

 

Museo Alpino Duca degli Abruzzi

Piazza Abbé Henry, 2 - Courmayeur (AO)
Telefono: 0165.842064
Internet: www.guidecourmayeur.com

 

Museo delle Alpi

C/o Forte di Bard (AO)
Telefono: 0125.833811
Internet: www.fortedibard.it

Museo di Scienze Naturali

C/o Castello di Saint-Pierre (AO)
Telefono: 0165.306323
Internet: www.museoscienze.it

 

MAV – Museo dell’Artigianato Valdostano di tradizione

Telefono:  0165.763912

Internet: www.mav.ao.it

 

Museo Minerario regionale

Villaggio Minatori - Place Franz Elter – Cogne (AO)

Telefono: 0165.749264

Internet: www.grand-paradis.it