img1
img2
img3

Monti e Valichi

MONTI

La Regione a statuto speciale della Valle d’Aosta (in patois, il dialetto valdostano “Vâl d'Aoûta” - in lingua walserOugschtaland”) è la regione più piccola d'Italia con 3.263km² di superficie e anche quella meno popolata con 127.836 abitanti: è, praticamente, del tutto montuosa.

A Nord, lungo il confine con la Svizzera - cantone Vallese, troviamo in sequenza le Alpi del Grand Combin, le Alpi del Weisshorn e del Cervino e le Alpi del Monte Rosa, gruppi appartenenti alle Alpi Pennine.

Ad ovest, lungo il confine con la Francia – regione dell’Alta Savoia, troviamo le Alpi Graie, con sua maestà il Monte Bianco, ottava meraviglia del mondo,  scolpita nel granito e seconda in Europa solo all'Elbrus, nel Caucaso.

A sud, lungo il confine con il Piemonte, ci sono ancora le Alpi Graie, con il Gran Paradiso.

Ad est, lungo il confine con il Piemonte, ci sono ancora le Alpi Pennine (Alpi Biellesi).

 

Le montagne valdostane sono state teatro di molta storia dell'alpinismo: dalla conquista del monte Bianco avvenuta nel 1786, alla conquista del Cervino avvenuta nel 1865 e fino ad arrivare alle più moderne vie di arrampicata ed alpinistiche disegnate sui vari versanti delle montagne.

Oggi le montagne sono grandi mete turistiche, escursionistiche ed alpinistiche.

Molte vette presenti nella valle, oltre 40, superano i 4000 metri di altezza slm.

Tra queste citiamo: Monte Bianco - 4.810 m, Lyskamm orientale (Ostliche Lyskamm) - 4.527 m, Lyskamm occidentale (Westliche Lyskamm) - 4.481 m, Cervino - 4.487 m, Corno Nero (Schwarzhorn) - 4.322 m, Punta Walker (Grandes Jorasses) - 4.206 m, Punta Whymper (Grandes Jorasses) - 4.180 m, Breithorn Occidentale (Monte Breithorn) - 4.165 m, Breithorn Centrale (Monte Breithorn) - 4.160 m, Breithorn Orientale (Monte Breithorn) - 4.141 m, Aiguille Blanche de Peuterey - 4.112 m, Gran Paradiso - 4.061 m e Dente del Gigante - 4.014 m.

Oltre ai 4000 della Valle d'Aosta altre vette importanti sono: Grivola (3969 m), Monte Emilius (3559 m), Becca di Luseney (3504 m) e Becca di Nona (3142 m).

VALICHI

La Valle d'Aosta è regione particolarmente montuosa ed è regione di frontiera. Per questo motivo i valichi alpini hanno sempre avuto un'importanza fondamentale nella sua storia. Ancora oggi le comunicazioni rivestono un notevole interesse.

 

I valichi principali che, attraverso la Valle d’Aosta, collegano l’Italia con gli Stati confinanti le regioni circostanti sono:

- Piccolo San Bernardo, che collega con la Francia, nella regione dell’Alta Savoia;

- Gran San Bernardo, che collega con la Svizzera, nella regione del Vallese.

 

Le comunicazioni con gli Stati vicini sono assicurate, inoltre, dai due Trafori:

- Traforo del Monte Bianco, che collega con la Francia;

- Traforo del Gran San Bernardo, che collega con la Svizzera.

 

Altri valichi che rivestono importanza storica e/o geografica sono:

- Colle Bettaforca

- Colle Carrel

- Colle Collon

- Col Ferret

- Finestra di Champorcher

- Col de Joux

- Colle del Lys

- Colle della Mologna Grande

- Colle del Nivolet

- Col d'Olen

- Passo dei Salati

- Colle San Carlo

- Colle della Seigne

- Colle del Teodulo

- Colle di Valdobbia.