img1
img2
img3

Geografia e Clima

Superficie: 3.263 Km2

Abitanti: 127.065  (01 gennaio 2010)

Densità: 39 ab/Km2

Comuni: 74, di cui il 60% ha meno di 1.000 abitanti

Altitudine minima: 340 m (Pont-Saint-Martin)

Altitudine massima: 4.810 m (Monte Bianco)

 

La Valle d'Aosta è la più piccola regione italiana: autentico tetto d'Europa, ospita le più alte montagne delle Alpi ed è interamente montuosa, raccolta intorno alla valle formata dalla Dora Baltea. L'altezza media della regione è di 2.100 metri e solo il 20% della sua superficie è al di sotto dei 1.500 m. Il 59% del territorio si trova fra i 1.500 e i 2.700 m, mentre il 21% è al di sopra di tale quota, che rappresenta il limite sfruttabile a pascolo. Escluso lo sbocco del fondo valle, le catene di monti che la delimitano non scendono mai sotto i 2.000 metri, mentre per lunghi tratti rimangono al di sopra dei 3.000.

La parte meridionale del territorio è occupata dal Parco Nazionale del Gran Paradiso, istituito nel 1922 per salvaguardare alcune specie di flora e fauna alpina in via d'estinzione come stambecchi, camosci, marmotte ed ermellini.

Gli oltre 200 ghiacciai della Valle d'Aosta coprono una superficie complessiva di circa 120 km2: il loro scioglimento produce circa 5 milioni di metri cubi all'anno e costituisce una delle maggiori riserve idriche d'Italia. Fra questi il ghiacciaio della Brenva, sul versante meridionale del massiccio del Monte Bianco, scende fino a quota 1.360 m, a poca distanza dall'imbocco del traforo del Monte Bianco. Il ghiacciaio del Miage, il maggiore del versante sud del Monte Bianco, si sviluppa per 10 Km ed è il più lungo d'Italia. Autentico ghiacciaio vallivo, è alimentato da 6 lingue glaciali tributarie. Tra il 1977 e il 1999 la superficie dei ghiacciai valdostani si è ridotta del 18%, con una perdita di circa 34 Kmq. Dal '99 al 2007 la perdita annuale si è raddoppiata riducendo i nostri ghiacciai di ulteriori 19 Kmq. Secondo studi recenti, molti dei piccoli ghiacciai sono a rischio di rapida scomparsa se continuerà l'attuale tendenza al riscaldamento climatico. Il ghiacciaio del Ruitor, fra i più estesi della regione anche se la vetta non raggiunge i 3.500 m, ha perso in un solo anno 11 milioni di metri cubi di acqua!

Orograficamente, la Valle d'Aosta ha una forma grossolanamente a spina di pesce, con la valle centrale formata dalla Dora Baltea e una ventina di valli e valloni laterali che confluiscono nella rettilinea valle principale da nord e da sud. La valle centrale, nel tratto tra St.Vincent e Villeneuve, è orientata in senso est-ovest, con un ombroso versante (envers), ricoperto da boschi di abete rosso e larice, opposto ad un assolato versante (adret), molto arido, con boschi di roverella e pino silvestre, coltivato a vigna e, in passato, a cereali.

90 mila ettari sono occupati da foreste, corrispondenti al 27,4% dell’intera superficie: il dato può apparire basso ma, escludendo le superfici sterili d'alta quota, costituite da rocce, macereti e ghiacciai, l’indice di boscosità sale al 45%; ogni cittadino della Val d’Aosta dispone di 7.700 mq di bosco, rispetto alla media italiana di 1.600 mq per abitante.

Il clima della Valle d'Aosta è tipicamente alpino con inverni rigidi ed estati fresche. Solo la valle centrale percorsa dalla Dora Baltea gode di condizioni climatiche più miti. Durante l'inverno cadono abbondanti nevicate, ma le precipitazioni nel resto dell'anno sono generalmente scarse. Per ovviare a questo fatto sono state costruite, fin dall'alto Medioevo, grandi opere di canalizzazione irrigua denominate (Rûs) tuttora utilizzate.

Quando d'inverno si forma un'area di bassa pressione su Aosta, la zona intorno a Courmayeur viene investita da un freddo intenso, portatrice di pioggia e neve a quote basse, che scende fino a valle, specialmente in alcune aree interne. L'estate è fresca e piuttosto ventosa. Nell'entroterra il clima è più rigido, con valori medi invernali decisamente bassi, specie in alcune valli del versante nord-ovest della regione (media giornaliera di gennaio di -11,9 °C a Courmayeur, -12,9 °C al Breuil, -10.9 °C ad Aosta). Le minime medie di queste località sono comprese tra -10 e -12 °C, i valori minimi stagionali attesi, durante l'inverno, sono attorno ai -15 °C anche se le temperature notturne possono scendere ben al di sotto di questo valore durante i periodi di gelo più intenso; le giornate estive sono molto fresche, e le medie giornaliere durante il trimestre estivo sono condizionate dai ghiacciai e dal vento termica giornaliera e dalle temperature notturne piuttosto fredde.